CONFLITTO (PVP) – THE DIVISION 2

Su The Division 2 sono presenti le modalità dedicate al PvP organizzato, “Conflitto”. Sostanzialmente, questo tipo di PvP vuole dare ai giocatori la possibilità di affrontarsi nelle arene senza che l’IA complichi le cose. L’NPC per il PvP si trova fuori dalla Base Operativa, nell’area pubblica.

I giocatori possono cimentarsi in due modalità PvP:

  • Schermaglia: affronta un’altra squadra nel classico Deathmatch a squadre reinterpretato in chiave The Division.
  • Dominio: conquista i vari luoghi per dominare sulla squadra avversaria, in questa modalità di gioco a obiettivi.

Sia in Schermaglia che in Dominio sono disponibili dei potenziamenti. Si tratta di casse scorte, ubicate in punti precisi della mappa, che una volta attivate assegnano alle squadre dei bonus casuali. Corazze o danni extra per un tempo limitato sono solo alcuni degli esempi di questi bonus. Nel PvP organizzato di fine gioco sono presenti anche i rifornimenti, che danno ai giocatori delle munizioni specializzazione. Quando un rifornimento è in arrivo, prima che venga sganciato sulla mappa, i giocatori ricevono un avviso. Attenzione però, quando un giocatore viene ucciso perde le sue munizioni specializzazione.

 

ARENE

Prima dell’inizio della partita è possibile votare l’arena. Attualmente sono presenti 3 arene, che si trovano fuori dalla mappa di gioco.

  • Rovine del Campidoglio – i giocatori si sfidano per il controllo di quest’area boschiva.
  • Stadio – i giocatori si danno battaglia nelle strade e nei parcheggi che circondano lo stadio del baseball.
  • Georgetown – i giocatori combattono per prendere possesso dei tetti in questa zona residenziale contaminata dalla polvere gialla.

 

MATCHMAKING, NORMALIZZAZIONE E LIVELLI

Il matchmaking del PvP organizzato segue due criteri:

  1. Tutti i giocatori che non hanno raggiunto la fascia del mondo e hanno appena iniziato la fase di fine gioco vengono riuniti e normalizzati.
  2. Tutti i giocatori che hanno raggiunto la fascia del mondo vengono riuniti e normalizzati alla stessa fascia del mondo.

Nonostante nel PvP la normalizzazione riduca sensibilmente le differenze tra i giocatori, coloro che hanno lavorato minuziosamente nella creazione dei propri personaggi conserveranno alcuni lievi vantaggi in termini di statistiche. Le abilità e i talenti del PvP organizzato avranno dei valori normalizzati diversi dalle loro controparti nel PvE.

Anche il matchmaking basato sulle abilità, che tiene in considerazione numerosi fattori come la quantità di vittorie e sconfitte, influenza il matchmaking del PvP organizzato. Completando le partite i giocatori incrementano il livello PvP, il cui valore all’interno della Zona Nera è indipendente da quello generale.

 

La modalità PvP “Schermaglia” di The Division 1 fa il suo ritorno su The Division 2, dopo un lavoro di restyling volto a creare un’esperienza di squadra ancora più tattica!

In questa modalità Deathmatch a squadre 4 contro 4, caratterizzata da limiti di tempo molto stringenti e dinamiche di gioco estremamente frenetiche, ogni squadra ha a disposizione un numero limitato di rinforzi. I rinforzi rappresentano per la squadra una fonte di vita extra che si riduce a ogni rientro. Terminati i rinforzi di una squadra, si passa a una fase di eliminazione. Un giocatore eliminato non può più partecipare al gioco.

 

Questa modalità è simile a “Fino alla fine” di The Division 1. I tre obiettivi vengono disseminati sulla mappa poco dopo l’inizio della partita. Le squadre hanno così l’opportunità di battersi per assumere il controllo dell’area obiettivo prima che diventi attiva. Oltre alla cattura passiva eseguita mentre si trovano nelle immediate vicinanze dell’obiettivo, i giocatori possono eseguire una cattura attiva usando oggetti interattivi direttamente sull’obiettivo. Queste interazioni assegnano automaticamente l’obiettivo alla vostra squadra, ma richiedono tempo per essere completate. Mentre eseguono questo genere di azioni, i giocatori sono esposti e vulnerabili: per questo la modalità Dominio offre un considerevole rapporto rischio/valore della ricompensa.

 

RISULTATI DI FINE PARTITA

A fine partita vengono visualizzati i risultati con punteggi e ricompense, e il tabellone dei giocatori per confrontare i vari punteggi, uccisioni, morti, assist e danni inflitti.

 

 

One Thought to “CONFLITTO (PVP) – THE DIVISION 2”

  1. Avatar Nautilus74

    beh la normalizzazione che in DZ funziona quasi bene, in pvp dominio o schermaglia non va proprio. Dal livello 1 al 30 funziona, ma dopo il risultato è scandaloso da danneggiare sia il giocatore purista della build (al quale Massive dovrebbe lasciare un pvp con build attive al 100% per premiare il loro “lavoro”) che ai giocatori occasionali o che non hanno tempo, voglia o capacità di farsi la build ai quali la normalizzazione era indirizzata. Basta vedere classifiche finali, e si nota che la partita spessa lo fa un solo giocatore che uccide l’altra squadra da solo e non fa giocare neanche la sua… Su 40 partite fatte, 30 alla fine aveva giocato uno solo con media di 14 uccisioni.
    Così com’è secondo me scontenta tutti.

Leave a Comment