Avamposti – The Division 2

  • 3
    Shares

Sparsi nella mappa si trovano degli Avamposti (Control Points). Lo scopo è sottrarli alle fazioni nemiche conquistandoli, e per farlo è possibile chiedere il supporto dei civili tramite l’utilizzo di un flare. Una volta conquistati si devono rifornire di risorse (acqua, cibo e componenti) parlando con l’ufficiale dell’avamposto, in questo modo si ottengono punti XP e bonus temporanei legati al rilevamento dei contenitori di bottini e dei nemici. Per ottenere i bonus però, è necessario sbloccare i perk (vantaggi) del personaggio “Rilevamento” dal Quartiermastro, nella Base Operativa.

Oltre a questo, in ogni Avamposto è presente una stanza in cui si trovano diversi contenitori di bottini, che si resettano ogni tot di ore.

Allo stesso tempo, i civili stessi vanno alla ricerca di risorse; è possibile seguirli nelle loro ricerche (non si avvia nessuna missione, su di loro appare la scritta “in viaggio per raccogliere…” o “al lavoro”) e fornire loro ciò che cercano. Terminata la ricerca, potrebbero imbattersi in pattuglie nemiche: anche in questo caso è possibile aiutarli accompagnandoli fino al luogo di rientro (avamposto o insediamento).

 

INVASIONE E DINAMICITA’

Dalla Fascia Mondo 1 inizierà l’invasione dei Black Tusk, che prenderanno possesso di Missioni, Roccaforti e Avamposti. A questo punto gli Avamposti diventano dinamici: se non riforniti, le fazioni nemiche li attaccheranno di continuo per cercare di riconquistarli. Il livello di difficoltà preimpostato per ogni Avamposto è Normale.

Dal livello 1 al livello 30 è comunque necessario conquistare gli Avamposti per completare alcuni Progetti. Dalla fascia mondo 1 in poi è impossibile riuscire a stare dietro a ogni avamposto che viene riconquistato di continuo, e non è necessario cercare di conquistarli sempre tutti.

 

LIVELLI DI ALLERTA

Dalla Fascia Mondo 4 il sistema degli Avamposti subisce un’ evoluzione: ogni Avamposto è connesso alle attività intorno ad esso. Completando queste attività, il livello di allerta dell’Avamposto aumenta, facendo crescere quindi il livello di difficoltà.

Nella mappa è possibile vedere una linea rossa su ogni attività, che indica a qual è l’Avamposto a cui è legata. Oltre a questo, viene indicato un numero su attività e Avamposti. Sugli Avamposti indica il livello di allerta, sulle attività indica di quanti livelli possono far salire il livello di allerta, ad esempi:

  • Se l’avamposto è livello 1 (difficoltà normale), e si svolge un’attività con scritto “+1”, l’allerta dell’avamposto aumenta al livello 2 (difficile).
  • Se l’avamposto è livello 1 e si svolge un’attività con scritto “+2”, l’allerta aumenta al livello 3 (molto difficile).

Con livelli di difficoltà più elevati ovviamente si ottengono ricompense migliori, ad esempio completando un Avamposto a difficoltà Sfida (livello 3) o Eroica (livello 4) tra le ricompense si ottengono anche gli schemi per il Fai da Te delle mod armi e dei Brand Set, oltre a questi anche i punti per le Specializzazioni.

 

 

2 Thoughts to “Avamposti – The Division 2”

  1. Avatar Auron1

    Buonasera.
    Vorrei sapere da dove deriva l’informazione «Completando un Avamposto a difficoltà Eroica (livello 4) si ottiene una grande ricompensa»
    L’ho fatto due volte, aiutato da 3 amici, ma l’unica cosa davvero grossa era la sequela di improperi usati durante la battaglia, con nemici che in 3 colpi ti spediscono a terra.
    O sono stato in entrambi i casi particolarmente sfortunato, oppure mancano alcuni parametri extra – per esempio “il capo spedizione alleato non deve mai venire atterrato” o “completa la sfida in maniera impeccabile”.
    Grazie in anticipo!

    1. Ciao, l’informazione deriva proprio da un Intelligence Annex dedicato pubblicato prima dell’uscita del gioco. Chiaramente per “grande ricompensa” si intende più bottini in questo caso. Comunque, completando gli avamposti in allerta 3-4 puoi ottenere gli schemi delle mod armi e dei brand set (che sono la cosa più importante) e anche punti specializzazione.
      In caso aggiorneremo la paginetta eliminando quel “grande” e mettendo qualcosa di più specifico 🙂

Leave a Comment