Un saluto speciale a Stefania. Riposa in pace.

  • 130
    Shares

Oggi è l’anniversario della scomparsa di Stefania, una ragazza di soli 20 anni portata via da un tumore in pochissimi mesi. Come tutti noi amava giocare a Tom Clancy’s The Division, e con l’uscita dell’update 1.8 Ubisoft Massive le dedicò un murales in gioco, un tributo davvero speciale che resterà impresso per sempre su The Division.

E’ possibile andare a vedere il murales in Zona Nera 6 (nell’uscita del cortile della chiesa, stanza di sicurezza) e West Side Pier (clicca qui per vedere).

Noi di The Division Dark Zone ci teniamo a darle un saluto. Riposa in pace Stefania.

 

[UPDATE 24.07.18] Aggiorniamo questo post per fare gli auguri a Stefania, oggi sarebbe stato il suo compleanno. Qui di seguito trovate la sua storia completa.

 

Chi era Stefania?

Quella di Stefania è una storia un po’ complessa, straziante… Rita, l’amica di sua sorella, ci ha inviato la loro storia.

Stefania è nata in Odessa nel Texas il 24 luglio 1996 (suo padre è italiano). Conosceva varie lingue come il francese, tedesco, spagnolo e stava studiando anche il polacco.

Aveva una sorella gemella, Lucia. E’ soprattutto grazie a lei se Ubisoft ha inserito un murales nella Zona Nera e a West Side Pier, con l’aiuto di alcuni clan del gioco.
Quando Stefania morì, Lucia prese il suo posto in gioco, la faceva sentire più vicina a sua sorella. Prima di morire, Stefania mostrò a Lucia un murales presente in Zona Nera, che poi venne sostituito con il suo.

Era una ragazza leale, amava giocare in Zona Nera con la musica a tutto volume, chiunque poteva sentirla prima che arrivasse, e raramente diventava traditrice. Tendeva ad aiutare i giocatori in difficoltà, con più di 1000 ore di gioco aveva solo poco più di 50 traditori uccisi.

Nel luglio del 2017 andò in un ospedale in Odessa con i suoi genitori, per provare a salvarla da un brutto tumore. Durante il viaggio però ebbe un’emorragia, probabilmente dovuto dall’affaticamento, purtroppo non le diede scampo. Stefania morì l’8 luglio 2017.

Lucia, che tanto aveva fatto per far si che Ubisoft inserisse il murales in gioco, non ebbe mai la possibilità di vederlo… anche lei come la sorella morì per lo stesso male, il 17 ottobre 2017.

Stefania cambiò più volte nickname in gioco: il primo era HelTheQueen, poi StefyTheQueen, e infine
S-T-E-F-A-N-I-A.

Post Correlati

4 Thoughts to “Un saluto speciale a Stefania. Riposa in pace.”

  1. Flavio

    E’ la prima volta che vedo questo sito e devo dire che è davvero ben fatto.
    la storia di Stefania e Lucia tocca davvero il cuore.
    Cambiando discorso, vorrei avvertire tutti i visitatori del sito che InstantGaming, non è un rivenditore ufficiale e la chiave acquistata potrebbe essere bannata dai server di Ubisoft.
    Di seguito la FAQ dei rivenditori Ubisoft Ufficiali.
    Quindi se non volete ritrovarmi bloccati (come è accaduto a me) non acquistate mai da Instant Gaming

    https://support.ubi.com/it-IT/faqs/000023753/Lista-rivenditori-autorizzati/

    1. Ciao, scusa il ritardo per la risposta.
      Si sa che InstantGaming e altri siti di key non sono ufficiali, ma le key acquistate da IG non sono mai state bannate, o almeno non sono mai saltati fuori casi del genere. Siamo sempre i primi a consigliare di comprare sui siti Ubisoft, Amazon e simili, ma non avremmo messo il banner di InstantGaming se non fosse sicuro.
      Se bannano le key è per altri motivi, non perchè IG non è rivenditore ufficiale.

  2. Shoo7

    Non ero a conoscenza del gesto da parte degli sviluppatori del gioco, davvero molto apprezzato!
    Un pensiero anche da parte mia, una giovane anima scomparsa troppo presto.

    Che tu possa riposare in pace Stefania e che i tuoi cari possano trovare pace nel loro dolore.

    1. paolo

      Mi stringe il cuore appena letta la piccola ma intensa storia di Stefania e Lucia. Concordo con te, davvero un bel gesto da parte degli sviluppatori.
      Credo che nella vita reale, ciò che accadeva nel gioco, rispecchiava la vera personalità di Stefania e Lucia…due sorelle con un gran cuore.

Leave a Comment