Zone Nere – The Division 2

  • 94
    Shares

Le Zone di Decontaminazione, conosciute come Zone Nere (Dark Zones), sono aree pericolose e inesplorate. Ai civili è consigliato di evitarle a tutti i costi. Al loro interno è possibile scontrarsi con altri giocatori, e sono presenti alcuni dei bottini migliori del gioco.

 

COME SBLOCCARE LE ZONE NERE

Innanzitutto, è necessario sbloccare il membro dello Staff Senait Ezera portando a termine quanto richiesto tra i potenziamenti dell’Insediamento “Il Teatro” (si possono visualizzare nell’insediamento stesso). Una volta sbloccata, bisogna parlare con Senait nell’Insediamento, così da mandarla nella Base Operativa. Fatto ciò, nella mappa si sbloccherà la Missione di Ricognizione Zona Nera, si tratta di un breve tutorial da portare a termine per ogni Zona Nera, e che ne mostra il funzionamento; una volta finito si avrà completo accesso alla ZN.

Sono presenti tre Zone Nere:

  • Zona Nera est— è la più grande delle tre Zone Nere e porta i giocatori negli ampi spazi nella fitta vegetazione, ormai divenuta selvaggia, dei parchi cittadini.
  • Zona Nera sud— la più piccola delle tre, pone l’accento sul combattimento a corto raggio. Le linee di fuoco sono continuamente spezzate da edifici, strettoie e altri ostacoli di vario genere.
  • Zona Nera ovest— divisa in due da un grande canale, Georgetown è caratterizzata da un’architettura di stile europeo e privilegia il combattimento a medio raggio.

 

 

 

STATUS TRADITORE

  • Agente SHADE: è lo status normale da Agente non ostile.
  • Status di Traditore: si tratta del primo livello all’interno della catena dei traditori, imperniato su furti e avidità. Una volta Traditori, i giocatori rilevano attorno a loro delle opportunità di eseguire azioni Traditore, come per esempio violare la rete SHADE, scassinare le casse Divisione, rubare il bottino di altri giocatori o dirottare estrazioni. L’obiettivo finale è ottenere l’accesso al Covo di Ladri. Se durante questo status si uccide un altro giocatore, si passa allo status Rinnegato.
  • Status di Rinnegato: uccidere altri giocatori incrementa il livello Rinnegato di chi attacca. Messo a segno un numero sufficiente di uccisioni, lo status dell’agente passa da Rinnegato a Caccia all’uomo. Gli agenti SHADE possono uccidere i Rinnegati e ottenere così le loro taglie. Se il timer da Rinnegato finisce, si ritorna allo status Traditore con un timer di 60 secondi.
  • Caccia all’uomo: si tratta del livello finale della catena dei traditori e obbliga i giocatori a usare un terminale SHADE per azzerare il loro status e ottenere così delle ricompense. Sono disponibili tre terminali attivi all’interno della Zona Nera per rimuovere lo status Caccia all’uomo. Dai terminali è possibile anche incrementare la notorietà, incrementando il valore delle ricompense a condizione che si ritiri il denaro al terminale successivo. Mentre è attivo questo status, le aree terminali sono visibili sulla mappa a tutti gli agenti SHADE, ma la posizione precisa di uno specifico terminale può essere conosciuta solo dal giocatore in Caccia all’uomo. Questo genera una dinamica di gioco del tipo “gatto e topo” in cui gli agenti SHADE possono localizzare gli agenti in Caccia all’uomo e provare a sottrargli le loro ricompense.

 

PULSANTE TRADITORE

E’ possibile attivare lo status Traditore anche solo tenendo premuto il pulsante dedicato:

  • PC = T (tenere premuto)
  • PS4 = touchpad (tenere premuto)
  • Xbox One = pulsante “Visualizza” (tenere premuto), lo stesso della mappa, quello con i 2 quadrati sovrapposti, sopra le frecce direzionali.

 

 

ZONE NERE OCCUPATE

Si tratta di un evento dinamico nelle Zone Nere che si sblocca dalla fascia mondo 1, durante il quale tutte le classiche regole cambiano. I concetti di SHADE e Traditori svaniscono completamente: il gioco si trasforma in una semplice e brutale corsa alle ricompense più vantaggiose. Questo significa niente traditori, niente normalizzazione, notifiche limitate, vulnerabilità al fuoco amico.

Quando UNA delle Zone Nere è occupata, le altre due funzionano secondo le dinamiche standard. Questi eventi sono progettati per offrire il più elevato rapporto tra rischio e ricompense in The Division 2.

La Zona Nera occupata è visibile sulla mappa con l’icona di contaminazione con sopra un pugnale, come nell’immagine seguente.

 

PUNTI DI RIFERIMENTO

I punti di riferimento sono piccole aree delle Zone Nere in cui si trovano boss e casse di bottini. Sulla mappa vengono segnate con un pugno chiuso viola, e viene indicata anche la difficoltà e se il riferimento è ingaggiato da altri giocatori.

 

COVO DEI LADRI

Il Covo dei Ladri si sblocca solo diventando Traditori, entrandoci si azzera lo status Traditore ritornando SHADE, e al suo interno si trova un NPC dal quale è possibile ottenere delle ricompense giornaliere. L’NPC appare solo attivando il perk “Senza Onore” dall’ufficiale della Zona Nera (NPC dello Staff che si trova in Base Operativa).

Azioni da Traditore: è possibile compiere diverse azioni da Traditore per sbloccare il Covo.

  • Violando la rete SHADE, utilizzando i terminali sparsi nelle Zone Nere.
  • Scassinando le casse della Divisione sparse nelle Zone Nere (anzichè aprirle con le chiavi).
  • Rubando i bottini degli Agenti morti.
  • Dirottando le estrazioni, tagliando quindi la corda dell’elicottero per far cadere i bottini.

Triangolazione del Covo dei Ladri: con le azioni sopra indicate si avvia la Triangolazione del Covo dei Ladri, che serve a trovare il Covo sulla mappa. L’accesso cambia ubicazione di volta in volta, e diviene visibile solo quando si completa un numero sufficiente di azioni traditore, arrivando quindi al 100% con la Triangolazione.

NOTA: nella Technical Alpha del gioco era necessario dare all’NPC una valuta chiamata MRE per ottenere la ricompensa, si ottiene aprendo le varie casse spasse in ZN. Non sappiamo se sarà così anche nel gioco finale, ma questa informazione vi tornerà utile se dovesse essere ancora così.

 

 

BOTTINI E CONTAMINAZIONE

Oggetti contaminati: solo gli equipaggiamenti più rari tra quelli trovati nelle Zone Nere risulteranno essere contaminati, e ovviamente dovranno essere estratti con l’elicottero, tutti gli altri finiranno automaticamente nell’inventario. Armi ed equipaggiamenti raggiungono automaticamente il livello del giocatore che li estrae.

Morire in Zona Nera: quando un Agente muore, lascia cadere la sua borsa di oggetti contaminati. E’ possibile recuperarli dopo il rientro, ma altri giocatori potrebbero impossessarsene o metterlo al sicuro. Morendo da Traditore si perdono anche punti esperienza.

Estrazione: è possibile avviare un’estrazione sparando un flare nelle zone dedicate della Zona Nera, segnate sulla mappa in arancione con una freccia rivolta verso l’alto. Chiamando l’elicottero si attira l’attenzione delle fazioni nemiche nelle vicinanze, ma anche di altri giocatori pronti a dirottare l’estrazione e rubare i bottini.

 

RIFORNIMENTI AEREI

Come su The Division 1, in Zona Nera vengono lanciati dei rifornimenti aerei. Non sono contaminati, perciò non è necessario effettuare l’estrazione con l’elicottero, e una volta preso il bottino non può essere rubato. Sono sempre difesi da fazioni nemiche che cercano di impossessarsi delle casse.

 

LIVELLI E PERK (VANTAGGI)

La Zona Nera è slegata dai normali livelli, viene utilizzato un sistema di progressione separato. La morte da traditore nelle Zone Nere ha un grande costo in termini di punti esperienza, è necessario mantenere il livello Zona Nera se si vuole avere accesso ai vantaggi.

I bottini non sono legati al livello della Zona Nera, si ottengono in base al proprio livello PvE e alla propria Fascia Mondo.

Livello massimo: 50

Grazie ai livelli Zona Nera è possibile sfruttare un sistema di perk (vantaggi) dedicati, che si possono sbloccare da Senait (ufficiale della Zona Nera) in Base Operativa. Non basati sulla forza, questi vantaggi potenziano l’esperienza Zona Nera sulla base del proprio stile di gioco. E’ possibile sbloccare solo un perk per fascia!

 

NORMALIZZAZIONE

Le tre Zone Nere di DC usano la normalizzazione per livellare il gioco, riducendo il gap tra giocatori con statistiche molto alte in termini di salute o danni. Sebbene un approccio bilanciato nella costruzione del personaggio sia sempre un’opzione valida, ogni scelta incide in modo molto specifico su stile e dinamica di gioco. Inoltre, la normalizzazione incide sugli IA nella stessa misura con cui lo fa sui giocatori. La normalizzazione non è attiva nella Zona Nera Occupata!

 

MATCHMAKING

Il matchmaking all’interno delle Zone Nere segue due criteri. Da un lato, i giocatori sono raggruppati in categorie secondo il loro livello (1-10, 11-20, 21-30) e quindi normalizzati fino a equivalersi. Dall’altro, tutti i giocatori che hanno raggiunto la fascia del mondo vengono riuniti e normalizzati alla stessa fascia del mondo. I giocatori che si trovavano al di sopra del livello di normalizzazione vengono ricompensati con delle statistiche bonus. I solitari verranno inseriti su server popolati da altri giocatori solitari. Non si tratta comunque di una regola rigida, è sempre possibile formare gruppi all’interno delle Zone Nere.

 

CAPACITA’ DEL SERVER

Le Zone Nere permettono il gioco simultaneo fino a un massimo di 12 giocatori. In aggiunta, ogni Zona Nera reagisce alle azioni e ai combattimenti man mano che il giocatore la attraversa. Se si partecipa a un’attività nel settore nord di una Zona Nera, nelle altre aree si verificheranno di conseguenza degli eventi volti a ripristinare un equilibrio nell’intera regione. Occorre tenere sempre ben presente l’ambiente circostante: gli agenti sanno perfettamente quanto sia decisiva la piena consapevolezza della situazione.

 

POSTI DI BLOCCO

I posti di blocco sono dotati di torrette indistruttibili per evitare lo stazionamento in loco. Queste armi fisse sparano a vista su tutti i traditori o gli IA: meglio mantenersi a distanza!

 

AVVERTENZE

La Zona Nera è una zona PvP e PvE. E’ consentito giocare in solitaria, ma ovviamente è studiata per giocare con e contro altri giocatori; senza un gruppo e l’equipaggiamento adatto i rischi sono altissimi.

“Uomo avvisato, mezzo salvato”

Leave a Comment