The Division 2: alcune anteprime sull’endgame e la campagna

Varie testate giornalistiche e youtuber hanno avuto modo di provare la Beta di The Division 2, proprio quella che proveremo dal 7 febbraio. Qui di seguito vi elenchiamo i vari link.

 

Qui invece un riepilogo delle novità scovate:

  • Il sistema di progressione è meno schematico e si basa su due valute: una che si guadagna all’aumentare di livello e che permette di sbloccare le skill attive, e la tecnologia SHD che si può acquisire svolgendo le missioni e che consente sia di acquistare le varianti delle abilità, sia di mettere le mani su perk che offrono bonus passivi.
  • Una volta raggiunto il livello 30, entra in gioco una quarta fazione nemica, i Black Tusk (nella foto qui sopra).
  • Sarà possibile affrontare le fortezze delle fazioni nemiche.
  • Tutti i contenuti post lancio saranno gratuiti, si parla di raid da 8 giocatori, nuovo equipaggiamento, mappe e modalità inedite per il PvP organizzato, tre interi episodi narrativi, e verranno aggiunte tre nuove specializzazioni si aggiungeranno alle tre già presenti in gioco.
  • Scegliere una specializzazione darà un’arma speciale, alcune varianti inedite per le skill attive, granate speciali e l’equipaggiamento di classe che aumenterà ulteriormente il rendimento sul campo di battaglia.
  • Il punteggio equipaggiamento (gear score) è ancora presente.
  • Sembra che ci saranno più personalizzazioni per i personaggi.
  • Lo Scudo, l’Impulso, l’Alveare, il Lanciatore Chimico e Firefly non sono presenti nella Private Beta.
  • Nell’open world potremo vedere alcuni gruppi di civili che vanno alla ricerca di risorse per i vari accampamenti.
  • Nei vari gameplay si può vedere la missione Invaded dove gli agenti stanno cercando di accedere al network dei Black Tusk.
  • Le Torrette robot viste nel trailer della Private Beta sono classificate come dei nemici Elite (viola) senza armatura.

Consigliamo di vedere e leggere le varie anteprime per non perdervi altre info o dettagli.

Post Recenti

Leave a Comment