Espansione III Last Stand: tutti i dettagli (Intelligence Annex #13)

Traduzione by Itasil e Maury

Questo articolo è dedicato interamente all’espansione III Last Stand (Fino alla fine), che arriverà in contemporanea con l’aggiornamento 1.6, su tutte le piattaforme. Non c’è ancora una data d’uscita.
Ovviamente l’espansione è a pagamento, mentre è gratis per i possessori del Season Pass.

PTS – Server pubblico di prova
L’espansione sarà disponibile sul PTS per i possessori del Season Pass, prima della sua uscita ufficiale, per effettuare i test e fornire feedback agli sviluppatori.

 

Con questa nuova espansione, verranno aggiunti nuovi modi per competere con altri giocatori e un nuovo modo per vivere la Zona Nera, con una nuova modalità separata. Si tratta di una modalità basata su sessioni, con obiettivi e varie condizioni per la vittoria, pur incorporando l’aspetto della Zona Nera come i nemici PvE e punti di riferimento.

Grazie a Last Stand ci sarà un’opzione competitiva in più da scegliere – una scelta in cui si sa che ci si troverà a combattere contro altri giocatori che si trovano li per lo stesso obiettivo.

Questa espansione include anche una nuova incursione, chiamata “Segnale dirottato”, per la quale arriveranno maggiori dettagli in futuro.

 

INTRODUZIONE

Quando la situazione della Zona Nera si è intensificata, l’epidemia si è evoluta ed è fuori controllo, e ogni parvenza di civiltà è crollata; la Joint Task Force è stata costretta a ritirarsi dalla zona, abbandonando dei terminali tattici molto importanti: sono caricati dei dati della tecnologia della Divisione con informazioni operative. Gli agenti traditori cercano di conquistarli per mettere le mani sulle informazioni, il che sarebbe catastrofico per la Divisione e la missione per salvare New York.

Il lavoro degli agenti sarà lavorare insieme, in gruppi composti da massimo 8 persone, per evitare che ciò accada.

 

UN NUOVO MODO DI COMBATTERE

Questa nuova modalità (disponibile dal livello 30) offre delle sessioni con PvP, mescolati ad un forte aspetto PvE, e un nuovo modo per vivere la Zona Nera. Al suo interno, combatteranno 2 gruppi composti da 8 giocatori ciascuno, su una mappa istanziata per controllare i terminali sopra citati, fino a quando una delle due squadre non ha trasferito le informazioni sufficienti per vincere la partita.

Quando si prenderà parte a Fino alla fine, il gioco segnerà sempre la propria squadra come agenti della Divisione, mentre la squadra nemica sarà sempre vista come agenti traditori (questo per varie ragioni tecniche). In poche parole, tutti i giocatori giocheranno sempre dalla parte dei buoni, quindi come agenti della Divisione.

Terminata la sessione, non sarà necessario tornare nel gioco base per iniziare una sessione nuova, in quanto il sistema riposizionerà il gruppo in coda per il match successivo.

Come spiegato in precedenza, ogni squadra sarà composta da 8 giocatori, divisa a sua volta in 2 piccole squadre da 4. Ciò significa che si dovrà avviare il matchmaking come per ogni altra attività, in solitaria o con altri 3 amici del gruppo. Non sarà possibile fare un matchmaking per un gruppo da 8.

Nell’espansione, la Zona Nera sarà divisa in quattro mappe diverse (basate su zn1-3, zn4-6, zn7-8 e zn8-9). Dalla schermata del matchmaking si vedrà in quale delle quattro mappe si giocherà, e ogni match durerà un massimo di 20 minuti.

Ogni mappa avrà 3 siti tattici -A, B e C- che a loro volta saranno suddivisi in 3 punti interattivi, che bisognerà controllare in ordine per effettuare il trasferimento dei dati. Nel corso di una sessione, si proverà a prendere il controllo di più posizioni tattiche possibili, neutralizzando i punti in possesso della squadra nemica.

Catturando un terminale si attiverà una posizione di respawn, che permetterà di avere più opzioni per rinascere una volta che si viene uccisi, avendo quindi un vantaggio. Per avere una visione migliore, si sceglierà dalla mappa il punto di respawn, e non da una lista come nel gioco base. A un certo punto durante la partita, le regole cambieranno, e si inizierà a spawnare vicino al proprio gruppo, rendendo man mano il gioco più aggressivo e veloce.

Questa modalità non utilizza il sistema di tradimento classico della Zona Nera (il Rogue System), e si potrà combattere in PvP senza aver paura di dover perdere qualcosa.

 

COMBINAZIONE PVP E PVE

Proprio come nella Zona Nera, saranno presenti i nemici gestiti dall’intelligenza artificiale, che gireranno per le strade e nei punti di riferimento. Alcuni NPC sorveglieranno anche i punti di controllo, con il centro di controllo sempre difeso da nemici elite, i quali dovrai affrontare in qualche modo prima di poterci mettere piede.

Uccidendoli si verrà premiati con gli SHD tech (Tecnologia Shade), una risorsa di squadra che si potrà utilizzare per sbloccare fortificazioni e potenziamenti tattici, abbandonati dalla JTF e dalla prima ondata della Divisione. Nella propria “base”-posizione tattica dove si spawna quando si inizia la partita- si possono attivare le torrette automatiche, che la difenderanno, o un grande impulso che avviserà quando i nemici saranno nelle vicinanze.

Ad un certo punto durante la partita, si attiveranno delle postazioni tattiche (sempre in attesa della traduzione ufficiale) che, utilizzando la valuta SHD tech, forniranno dei bonus al proprio gruppo, come un caricamento dei dati più veloce o più punti per l’uccisione dei nemici. Una stazione può essere attivata solo da un membro del gruppo alla volta.

Questi potenziamenti NON saranno permanenti, e dureranno solo un certo lasso di tempo prima che tornino ad essere nuovamente neutrali. Questo significa che sarà necessario anche avere sempre a disposizione SHD tech, ma si dovrà pianificare in base ai potenziamenti attivati dal gruppo nemico.

Le postazioni tattiche sono una parte fondamentale dell’espansione. Alcuni giocatori potrebbero andare nei siti tattici, cercando gli scontri PvP, mentre altri potrebbero puntarsi sulla parte del PvE, cercando di farmare la nuova valuta SHD tech. Ovviamente si correrà sempre il rischio di trovarsi davanti a giocatori ostili -è la natura dell’espansione e della Zona Nera- ma anche se si proverà a restare lontani dagli scontri, sarà comunque possibile partecipare a qualche scontro per aiutare il proprio gruppo a vincere. Se giocate di ingegno, si potrebbe essere anche in grado di sfruttare gli NPC nemici (quelli gestiti dall’IA) contro la squadra avversaria…

Gli NPC nemici, ad eccezione di quelli a guardia delle posizioni tattiche, respawneranno continuamente durante la partita, e i punti di riferimento si resetteranno più velocemente rispetto a quelli della Zona Nera normale. Perciò nelle zone ci sarà un’attività costante, e quindi nemici da uccidere per farmare. I nemici però non dropperanno i normali bottini, quindi non ci saranno oggetti da estrarre.

 

RICOMPENSE

Con questa espansione verrà introdotto un sistema di progressione simile a quello di Underground. Ci sarà un rank (grado) separato e si otterranno punti esperienza giocando nell’espansione; il rank massimo sarà 40.
Ogni volta che si salirà di rank, si verrà ricompensati con una cassa sigillata (che contiene bottini), e al raggiungimento di certe tappe fondamentali durante la progressione, si sbloccheranno degli oggetti per l’aspetto del personaggio, che non si troveranno nelle altre attività del gioco.
Ci saranno due set unici completi per l’aspetto del personaggio, e due set di skin armi. Allo stesso tempo, anche dopo aver raggiunto il rank massimo, si continuerà a guadagnare esperienza e casse sigillate (come per la Maestria sul campo del PvE o Sotterranei).

Il rank di questa espansione non funzionerà come quello della Zona Nera, ciò significa che non si perderà esperienza e il rank non potrà diminuire.

Si otterranno ricompense extra ogni volta che il proprio gruppo vincerà; al termine di una partita si verrà classificati in base alle azioni compiute, più o meno come nell’espansione Lotta per la vita, e le ricompense dipenderanno appunto da ciò.

 

Post Recenti

Leave a Comment